Efsa, indicazioni salutistiche sugli alimenti

Non si deve chiamare “carne” quella sintetica
20 Agosto 2018
iMEAT Giornale settembre-ottobre
10 Ottobre 2018

L’EFSA Journal ha pubblicato il Report finale del progetto relativo alle indicazioni salutistiche poste dalle aziende sugli alimenti prodotti, finanziato all’Università di Parma dall’Autorità Europea stessa.

Il testo sarà fondamentale sia per l’Authority, nella definizione dei futuri guidance documents, che per gli stakeholders, ossia le aziende alimentari, che sapranno quali approcci utilizzare per ridurre il rischio di ricevere un’opinione negativa da parte di EFSA dovuta a scelte sbagliate di target fisio-patologici o di metodi di analisi, quando forniscono indicazioni salutistiche, di ogni tipo, sui propri prodotti.

Il report, rappresentato da più di 500 pagine di testo è diviso in 7 parti e raccoglie, descrive e valuta criticamente le variabili fisiologiche che risultano più o meno adeguate nella definizione di studi di intervento nutrizionale per ottenere claim salutistici sugli alimenti. Il report descrive i metodi più adeguati per misurare ciascuna di queste variabili, definendone la validità, i meriti e le limitazioni a vari livelli.

Il progetto, è frutto dell’attività di intensa collaborazione tra persone e Dipartimenti che condividono interessi di ricerca applicata e clinica nel contesto degli alimenti e della nutrizione.

Su Ingegneria Alimentare-Le carni